INVESTIMENTI NEI MERCATI AZIONARI ANCORA FAVORITI Per UBS AM, sono anche in arrivo opportunità uniche nel real estate
23/05/2024 Redazione MondoAlternative

Gli investimenti nei mercati azionari restano i favoriti anche per i prossimi mesi, almeno secondo UBS Asset Management.

A livello macroeconomico, secondo Teresa Gioffreda, Investment Strategist di UBS AM, "i dati da inizio anno confermano uno scenario di soft landing negli Stati Uniti, con evidenze di rallentamento da un livello elevato di partenza, ma con una crescita economica resiliente e un mercato del lavoro ancora forte. Vediamo segnali crescenti di un miglioramento del settore manifatturiero globale, positivo per economie più cicliche come zona Euro, dove sorprendono al rialzo i dati di crescita economica rispetto allo scorso anno. In Cina, il sostegno delle misure sta portando ad una stabilizzazione e a un miglioramento della crescita economica, ma la persistente debolezza del settore immobiliare rimane un ostacolo per le prospettive di crescita: sarà chiaro nei prossimi mesi se i responsabili politici abbiano fatto abbastanza per migliorare in modo duraturo la domanda. La resilienza alla crescita aumenta però le probabilità che l'inflazione rimanga vischiosa al di sopra degli obiettivi delle banche centrali. L'inflazione negli Stati Uniti nel primo trimestre ha infatti interrotto la forte decelerazione dei mesi precedenti e, nonostante il dato di aprile, è ormai abbastanza scontato che la Fed non muoverà i tassi a giugno, al contrario della Bce che dovrebbe invece partire con il primo taglio. Le Banche Centrali di molti Paesi emergenti, che avevano già iniziato a rialzare i tassi nel 2021, stanno già passando a politiche monetarie accomodanti", ha spiegato Gioffreda, che ha poi sottolineato di continuare a ritenere, in questo contesto, le azioni globali siano interessanti: "Oltre ai fattori favorevoli determinati da un contesto macroeconomico positivo, i profitti delle aziende sono in crescita, il sentiment delle famiglie e delle imprese sta migliorando e l'attività manifatturiera influisce positivamente. Negli Stati Uniti, viste le valutazioni relativamente elevate di partenza, ci aspettiamo performance inferiori nei prossimi mesi, ma comunque positive, grazie alle prospettive economiche più stabili tra le principali economie e stime in crescita sugli utili. Le valutazioni sono ancora relativamente favorevoli alle azioni europee e ai Paesi Emergenti, e anche in queste regioni le aspettative sugli utili continuano a salire. Oltre a beneficiare del miglioramento del ciclo manifatturiero globale, la spesa legata all'IA potrebbe sostenere gli esportatori di semiconduttori in Asia, che sono fortemente ponderati nei mercati emergenti (Cina esclusa)", ha evidenziato Gioffreda.

Sul fronte obbligazionario, la Investment Strategist di UBS AM, ha detto di aspettarsi che la volatilità continui "ma, con un’inflazione sotto il 3%, le correlazioni dovrebbero tornare ad essere negative rispetto ai mercati azionari, e i titoli di stato possono tornare a svolgere un ruolo importante nei portafogli bilanciati per la copertura contro il rischio di ribasso per il ciclo economico. Il movimento di restringimento degli spread ci porta a pensare che ci possa essere un margine limitato per un’ulteriore compressione quindi è probabile che i rendimenti siano trainati dal carry. Oltre al settore investment grade, preferiamo il comparto high yield Euro e le obbligazioni dei Paesi emergenti denominate in dollari. Continuiamo a mantenere esposizione al dollaro Usa, favorito dai rendimenti e dalla crescita più elevata rispetto agli altri Paesi sviluppati, e materie prime come copertura rispetto ai persistenti rischi geopolitici", ha evidenziato Gioffreda, che ha poi concluso "in un contesto di correlazione positiva tra le asset class pubbliche e accresciute tensioni geopolitiche, l’introduzione di una componente di investimenti alternativi potrebbe rendere resilienti i portafogli degli investitori, tenuto conto del loro grado di propensione al rischio e delle esigenze di liquidità".

Per quando riguarda gli investimenti meno tradizionali, il momento potrebbe essere perfetto per allocare risorse e diversificare il portafoglio puntando sull'immobiliare. "Il real estate storicamente ha mostrato una bassa correlazione con l’azionario e una correlazione leggermente negativa con l’obbligazionario, candidandosi ad asset class potenzialmente ideale per diversificare un portafoglio bilanciato, oltre che driver verso i mega trend di cambiamento strutturale dell’economia (decarbonizzazione, digitalizzazione, deglobalizzazione e cambiamenti demografici)", ha spiegato Giacomo Cristofori, Head of Italy and Iberia Investment Sales Specialists Real Estate & Private Markets di UBS AM, che ha poi continuato: "Da marzo 2022, in coincidenza con l’incremento repentino dei tassi ufficiali di sconto, il real estate ha subito un’ampia dislocazione di prezzi e volumi: ci attendiamo una stabilizzazione nel corso del 2024 e la generazione di una finestra unica di entrata nell’asset class a partire dal 2025 e negli anni successivi. I settori nei quali vediamo un grande potenziale sono poco sviluppati nel mercato immobiliare italiano (come il residenziale a reddito) o inesistenti (il life science): inoltre, questo mercato rappresenta meno del 5% dell’universo investibile istituzionale globale. Complice anche la mancata correlazione tra mercati immobiliari di diversi continenti, crediamo che possa essere opportuna una diversificazione globale di questa asset class. L’accesso ad un’allocazione globale nel real estate oggi è resa più agevole dalla diffusione di strumenti evergreen ovvero fondi semi chiusi che consentono di minimizzare la J curve e, seppur rimangano un investimento non liquido per un orizzonte di lungo termine, consentono, in condizione di mercato normale, di programmare i tempi di uscita", ha concluso Cristofori.


© 2024 Mondo Alternative - Riproduzione riservata
CERCA NOTIZIE
Origine notizia Cerca Notizie Criteri di ricerca Tutte le parole Qualunque parola Frase esatta
REPORT
N. 241
Maggio
2024
MONDOINVESTOR
VERSIONE ITALIANA
MondoInvestor è un mensile in abbonamento che prevede 11 numeri all’anno e racconta l’evoluzione del mercato dell'asset management per gli investitori professionali
Dossier Fondi Private Market
DOSSIER  FONDI PRIVATE MARKET
Il Dossier offre una fotografia del mercato dei Fondi Private Market
Liquid Alternative
1st Quarter 2024 Update

LIQUID ALTERNATIVE FUND
Il Report sintetizza l’andamento trimestrale del mercato dei fondi liquid alternative ed è scaricabile sull'area di download per tutti gli abbonati al sito.



Dossier Fondi ESG

DOSSIER
FONDI ESG
Il dossier offre una fotografia del mercato dei Fondi ESG

ARE YOU A
HEDGE FUND
MANAGER?


Do you want to add/ remove your hedge fund
to / from our database?

Please click here
to learn how

Le foto riprodotte in questo sito provengono in prevalenza da Internet e sono pertanto ritenute di dominio pubblico. Gli autori delle immagini o i soggetti coinvolti possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica info@mondoinvestor.com
copyright 2004- 2023 - MondoInvestor S.r.l. -Sede Legale ed Uffici: Via Gustavo Fara, 9 - 20124 Milano
Cap.Soc. €100.000 i.v.- Milano Reg.Imp.N° 13228870153 REA N° 1631083 - C.F. e P.I.13228870153