RENDIMENTI ATTESI SU EQUITY E BOND PIÙ BASSI DELLE ASPETTATIVE I fund buyer interpellati da Gam preferiscono la gestione attiva per proteggersi
13/06/2018 In Primo Piano

Con la fine dei programmi di quantitative easing da parte delle Banche Centrali, che hanno creato una corsa verso investimenti rischiosi la quale, a sua volta, ha portato alla ribalta la gestione passiva, favorita da mercati che vanno in un’unica direzione, “la volatilità è tornata, creando le migliori condizioni per la sovraperformance dei gestori attivi”. Lo ha affermato Alexander Friedman, Ceo del Gruppo Gam, il quale è convinto che, nei prossimi anni, sia lecito attendersi rendimenti su azioni e obbligazioni più bassi di quanto si aspettino gli investitori, abituati alle performance gonfiate da anni di politiche monetarie accomodanti.

La ricerca commissionata da Gam su un campione di 300 fund selector, ha evidenziato che “il 69% degli intervistati preferisce la gestione attiva in presenza di una crisi”, ha spiegato Riccardo Cervellin, country head per l’Italia di Gam. Alla domanda sugli investimenti preferiti nella costruzione di portafogli nel caso di due crisi nell’arco dei prossimi 10 anni, infatti, i fund selector hanno indicato per il 30% solo prodotti attivi e per il 39% principalmente prodotti attivi, con un 29% che predilige un mix bilanciato e solo il 2% che utilizzerebbe solo o prevalentemente prodotti passivi.

Stiamo riscontrando grande interesse da parte degli investitori per le soluzioni in grado di offrire nuove fonti di rendimento”, ha spiegato Friedman. Si tratta, in particolare, “di strategie che offrono canali alternativi di rendimento”, ha proseguito Friedman, “come ad esempio i titoli insurance linked o gli Mbs, di strategie azionarie attive che battono frequentemente i benchmark e di strategie quantitative sofisticate e diversificate”.

Il Gruppo Gam punta particolarmente sulle strategie sistematiche, nel cui ambito Friedman vede un’evoluzione verso strategie che offrono un mix tra gestione quantitativa e fondamentale. In Italia, però, il mercato è ancora diffidente verso queste soluzioni, tanto che il 34% dei fund selector intervistati non le utilizza e il 66% lo fa solo marginalmente. “Il nostro ruolo è quello di fare education presso gli investitori riguardo questi temi”, ha ricordato Cervellin, che poi sottolinea come i fund buyer in ogni caso sono consapevoli dello sviluppo che queste strategie avranno nel corso degli anni, favorite dall’enorme quantità di dati che potranno essere elaborati.

© 2018 Mondo Alternative - Riproduzione riservata
CERCA NOTIZIE
In primo piano Cerca nel titolo,nel testo o fra gli autori Criteri di ricerca Tutte le parole Qualunque parola Frase esatta
REPORT
N. 175
Maggio
2018
MONDOINVESTOR
VERSIONE ITALIANA

MondoInvestor è un mensile in abbonamento che prevede 11 numeri all’anno e racconta l’evoluzione del mercato dell'asset management per gli investitori professionali
N. 59
April
2018
MONDOINVESTOR
VERSIONE INGLESE


MondoInvestor is the quarterly publication entirely dedicated to alternative investments
Alternative UCITS Fund
4th Quarter 2017 Update

ALTERNATIVE UCITS FUND

Il Report sintetizza l’andamento trimestrale del mercato dei fondi UCITS ed è scaricabile gratuitamente sull'area di download per tutti gli abbonati al sito.



Il Report Fondi Liquid Alternative
IL REPORT FONDI LIQUID ALTERNATIVE

Il Report offre una fotografia sui fondi Liquid Alternative.


ARE YOU A
HEDGE FUND
MANAGER?


Do you want to add/ remove your hedge fund
to / from our database?

Please click here
to learn how

Le foto riprodotte in questo sito provengono in prevalenza da Internet e sono pertanto ritenute di dominio pubblico. Gli autori delle immagini o i soggetti coinvolti possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica info@mondoinvestor.com
copyright 2004- 2018 - MondoInvestor S.r.l. - Via Vittor Pisani, 22 - 20124 - Milano
Cap.Soc. €100.000 i.v.- Milano Reg.Imp.N° 13228870153 REA N° 1631083 - C.F. e P.I.13228870153